Il pensiero sistemico e il Metodo ‘E’ nelle organizzazioni

Muoversi in un mondo quale è quello di oggi, così frenetico, volubile e imprevedibile senza dotarsi di una solida preparazione sistemica è completa follia, del tutto simile a quella che, in preda a manie suicide, ci vedesse avventurarci in un territorio inesplorato sprovvisti di busso
Continua →

Bufale e fattoidi: le notizie false possono essere “sconfitte” dai fatti? Una risposta sistemica.

Le bufale possono essere “sconfitte” dai fatti? La risposta dal punto di vista della dinamica dei sistemi.
Continua →

L’ingegnere errante e le parole perdute

Qualche giorno fa un mio caro amico, David Lisetti, imprenditore di successo, co-fondatore di FEF Acamedy e attivista Memmt, mi chiede se me la sento di scrivere due parole su una notizia di “cronaca economica” che lo ha colpito soprattutto per i suoi risvolti linguistici e di manipol
Continua →

La dignità del bue

Ultimamente mi capita di osservare i più disparati fatti della realtà e ritrovarmi a fare paralleli, di contenuto o di senso, con altri eventi in altri ambiti, la qual cosa non fa che amplificarne dentro di me la risonanza. Non è facile parlarne senza cadere in una retorica lacrimosa
Continua →

Alzheimer italiano

Confesso che non lo conoscevo, Edwin Honig. E forse è così per molti di noi; poeta e scrittore americano, difficile incontrarlo nella nostra lingua, è stato traduttore ed esegeta di García Lorca, Calderón de La Barca, Fernando Pessoa e Miguel de Cervantes, professore Emerito a Harvard
Continua →

Io, te e Irene (e gli economisti)

Comincio a non sopportare più questi economisti del virtuale, i titolati del disastro, i luminari delle teorie smentite dai fatti, gli opinionisti da slogan virali (e letali), competenti per definizione e incompetenti per risultati. E forse sopporto ancor meno i proni, acritici e impr
Continua →

2014 (di nuovo?)

Ho deciso, rischio l’impopolarità: il clamore, l'atmosfera di attesa e la ritualità del fine anno mi sono indigesti! Ecco, l’ho detto. E scopro che a ogni fine anno i miei pensieri sono simili, come i miei post per l'occasione.
Continua →

Italian memory

Chi fra noi non è più un tenero virgulto ricorderà certamente una trasmissione televisiva, allora famosa, che chiuse definitivamente i battenti quasi vent’anni fa (l’ultima puntata è datata febbraio 1994): l’Almanacco del giorno dopo. In onda dal lunedì al sabato prima del canonico TG
Continua →

L’anno non esiste, buon anno

Durante la festa pagana di S. Silvestro che esorcizza guai e sfortune ci piace affidare ad una ‘nuova sorte ’ il rinnovamento od il cambiamento che speriamo... ...e come al solito nulla cambierà se non saremo noi a farlo...
Continua →

Le parole che non ascoltiamo

Le parole hanno un peso ? E' convinzione comune che la risposta corretta sia: . In effetti ne sono persuaso anche io. Il fatto è che ce ne passano sotto il naso (meglio, "sott'orecchio") a centinaia ma non rileviamo quali siano quelle da
Continua →